cose la celiachia refrattaria ainc

Se la celiachia è una condizione ormai ben conosciuta, la sua forma refrattaria rimane un enigma per molti. Questa complicazione, caratterizzata da persistente malassorbimento e atrofia dei villi intestinali nonostante una rigorosa dieta senza glutine, sfida pazienti e ricercatori allo stesso modo.

Sotto i Riflettori della Ricerca

La celiachia refrattaria si manifesta quando, nonostante un anno di dieta priva di glutine, non si osserva alcun miglioramento nei villi intestinali né nella capacità di assorbire nutrienti. È una realtà che coinvolge circa il 44% dei pazienti con diagnosi di celiachia confermata, come indicato da uno studio francese condotto da Malamut e Cellier nel 2015.

Le donne sembrano essere maggiormente colpite dagli uomini, e la presenza di due copie di HLA-DQ2 potrebbe aumentare il rischio di sviluppare questa complicanza. La genomica riveste un ruolo fondamentale nello studio della celiachia refrattaria, poiché fornisce informazioni cruciali sui geni coinvolti, incluso il gruppo HLA DQ2 e DQ8.

Un interessante collegamento emerso da uno studio francese del 2016 suggerisce una possibile correlazione tra celiachia refrattaria e cirrosi-steatoepatite non alcolica, aprendo nuove prospettive di ricerca.

L’importanza del microbiota intestinale è emersa come un altro aspetto cruciale. Lo squilibrio del microbiota potrebbe contribuire alla refrattarietà della celiachia e alla sua associazione con altre condizioni patologiche.

Non è un caso che la celiachia refrattaria si manifesti spesso in pazienti anziani, come evidenziato da diversi studi condotti in Europa. La complessità della diagnosi e del trattamento diventa particolarmente evidente nel caso della forma più grave di celiachia refrattaria.

Innovazione e Speranza

Tuttavia, la ricerca non si ferma mai. Alcuni studi hanno esplorato un approccio innovativo che coinvolge l’impianto di cellule staminali autologhe per trattare la celiachia refrattaria di secondo tipo. Questo approccio, sebbene promettente, richiede ulteriori approfondimenti, anche dal punto di vista bioetico.

In conclusione, affrontare la celiachia refrattaria richiede competenza specialistica e un approccio multidisciplinare. È essenziale che i pazienti si rivolgano a centri specializzati per una diagnosi accurata e un trattamento mirato. Nonostante le sfide, la ricerca continua a illuminare i misteri della celiachia refrattaria, offrendo speranza per una migliore qualità di vita per coloro che ne sono colpiti.

©2024 AINC Associazione Nazionale Negozi di Celiachia - IT08509110964 . Tutti i diritti sono riservati.     

Log in with your credentials

Forgot your details?